Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

Telegram annuncia il nuovo piano Premium in arrivo a giugno

Quella che era iniziata come una voce qualche mese fa è diventata realtà questa settimana: Telegram sta diventando Premium. Bene, il livello gratuito rimarrà disponibile così com’è, ma verrà aggiunto anche un livello a pagamento che offrirà alcune funzionalità, risorse e velocità extra.

Il fondatore e CEO di Telegram, Pavel Durov, annunciato oggi che la sua azienda introdurrà un livello Premium questo mese, ma non ha fatto alcuna menzione per quanto riguarda il prezzo. Voci precedenti indicavano un possibile abbonamento di $ 5 al mese per coloro che desiderano Telegram Premium, ma le informazioni non sono state ancora confermate.

Quello che sappiamo è che tutte le funzionalità esistenti rimarranno gratuite e anche gli utenti che non si abbonano a Telegram Premium ne otterranno alcuni vantaggi, come la possibilità di visualizzare documenti extra-large, media e adesivi inviati dagli utenti Premium, così come l’opzione per toccare per aggiungere le reazioni Premium già bloccate su un messaggio per reagire allo stesso modo.

L’aggiunta di un livello Premium ha lo scopo di mantenere libere le funzionalità esistenti offrendo al contempo a coloro che desiderano di più la possibilità di acquisire quelle funzionalità extra di cui hanno bisogno, almeno secondo Telegram. Inoltre, un abbonamento Premium consentirà agli utenti di supportare eh app e ricevere nuove funzionalità prima di coloro che utilizzano Telegram gratuitamente.

Probabilmente non sapremo mai se la mossa ha lo scopo di supportare semplicemente le risorse extra che Telegram spenderà per aggiungere quelle nuove funzionalità o se la società prevede di guadagnare effettivamente per pagare le bollette. La conclusione è che anche il CEO di Telegram ritiene che l’app “dovrebbe essere finanziato principalmente dai suoi utenti, non dagli inserzionisti“, il che implica che la quantità di annunci rimarrà limitata.