Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

Preparatevi, un secondo aumento di prezzo potrebbe arrivare presto ad AT&T

Poco più di un mese dopo aver apparentemente iniziato una tendenza preoccupante nel settore wireless statunitense con significativi aumenti di prezzo per alcuni clienti con piani “vecchi” e poco dopo aver attirato ulteriori critiche da parte di abbandonare un omaggio molto popolare per i nuovi abbonati, AT&T è riuscita ad ottenere un po’ di attenzione positiva… per circa 10 minuti prima di oggi.

Sfortunatamente, il terzo operatore di rete mobile della nazione è già tornato sotto i riflettori per tutte le ragioni sbagliate, suggerendo che un secondo round di aumenti dei prezzi potrebbe arrivare presto se l’inflazione continua a crescere.
Come spiegato da Pascal Desroches, Chief Financial Officer di AT&T (via Bloomberg), il vettore sta affrontando costi in rapida crescita in tutto, dalla manodopera alle forniture, all’energia e ai trasporti, e se questa tendenza continua (come molti analisti si aspettano che sia il caso), a un certo punto potrebbe essere necessario un altro “sguardo ai prezzi” per “aiutare a compensare” tutte quelle spese più elevate.
Anche se può sembrare abbastanza vago e generico da non allarmarti troppo, vale sicuramente la pena sottolineare che l’aumento dei prezzi del mese scorso è stato preceduto da una dichiarazione simile meno di un mese prima.
Per quelli di voi che tengono il punteggio a casa, Verizon attualmente guida AT&T 2 a 1 pollice recenti aumenti di prezzo, e con La seconda mossa del genere di Big Red corrisponde essenzialmente alla prima di Ma Bell, è logico aspettarsi che le cose vadano nella direzione opposta dopo.
Dopo aver aggiunto $ 6 e $ 12 al mese rispettivamente a (alcune) linee singole e familiari, un aumento dei prezzi più piccolo per tutti AT&T potrebbe accadere mascherato da una sorta di commissione, o come ama chiamarla Verizon, una “tassa di adeguamento economico”.
Naturalmente, questo è poco più di una congettura da parte nostra, e con AT&T concentrata come sempre sull’aumento del numero illimitato di abbonati, non è da escludere un secondo aumento di prezzo rivolto esclusivamente ai clienti fedeli ai piani “vecchi” con data cap.
Resta da vedere se T-Mobile potrà continuare resistere alla tentazione di seguire l’esempio della concorrenza e rafforzare i suoi margini di profitto resistere molto più a lungo all’inflazione fuori controllo.