Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

L’iPhone 15 potrebbe ottenere una vecchia tecnologia di processore a 3 nm poiché TSMC raggiunge Samsung per 2 nm nel 2025

I produttori dei chipset iPhone di Apple, TSMC, amplieranno il loro portafoglio con processori a 2 nm nel 2025, ha annunciato la fonderia in un comunicato stampa che ci ha inviato descrivendo in dettaglio la sua presenza al North America Technology Symposium del 2022. Prima di allora, tuttavia, TSMC calpesterà i piedi di Samsung con il proprio sviluppo di nodi a 3 nm entro la fine dell’anno.

I chip a 3 nm sono probabilmente destinati agli iPhone di Apple poiché TSMC li spedirà ai clienti nel 2023. Il nodo a 3 nm sarà disponibile con cinque iterazioni principali almeno fino al 2025, ha affermato TSMC e migliorerà il rapporto potenza/prestazioni con vari mezzi come un aumento densità del transistor e tensioni regolabili.

A proposito di voltaggi, il toolkit FinFlex di TSMC sarà presente nella sua attrezzatura da 3 nm, consentendo ad Apple, Qualcomm e tutti gli altri clienti di giocare con diverse opzioni per bilanciare l’assorbimento di potenza e le prestazioni a piacimento per ottenere il loro punto debole per l’efficienza dei costi.

  • TSMC FINFLEXTM per N3 e N3E – La tecnologia N3 leader del settore di TSMC, destinata a entrare in produzione in serie più tardi nel 2022, presenterà la rivoluzionaria innovazione architettonica TSMC FINFLEXTM che offre una flessibilità senza precedenti per i progettisti. L’innovazione TSMC FINFLEXTM offre una scelta di diverse celle standard con una configurazione a 3-2 alette per prestazioni ultra, una configurazione a 2-1 alette per la migliore efficienza energetica e densità del transistor e una configurazione a 2-2 alette che fornisce un equilibrio tra le due per efficienza Prestazione. Con l’architettura TSMC FINFLEXTM, i clienti possono creare progetti system-on-chip ottimizzati per le loro esigenze con blocchi funzionali che implementano la configurazione dell’aletta ottimizzata per le prestazioni, la potenza e l’area target desiderate e integrati sullo stesso chip.

Specifiche del processore TSMC 2nm

Tuttavia, il nodo a 2 nm è più interessante. Man mano che il processo di produzione si riduce rispetto agli attuali processori di punta a 4 nm/5 nm, i miglioramenti delle prestazioni diventano sempre così trascurabili e l’attenzione si concentra sulle funzionalità ausiliarie che i progettisti di chip affrontano.

Il nuovo nodo a 2 nm, tuttavia, sarà realizzato con la nuova tecnologia GAA FET (Gate All Around Field-Effect Transistors) che Samsung utilizzerà nei chip a 3 nm già quest’anno. Sebbene TSMC sarà in ritardo di un paio d’anni per la festa GAA FET, promette un aumento delle prestazioni fino al 15% o un calo del consumo energetico fino al 30% con lo stesso ingombro dei chipset a 3 nm.
  • Tecnologia N2 – La tecnologia N2 di TSMC rappresenta un altro notevole progresso rispetto a N3, con un miglioramento della velocità del 10-15% alla stessa potenza, o una riduzione della potenza del 25-30% alla stessa velocità, inaugurando una nuova era di prestazioni efficienti. N2 presenterà un’architettura a transistor nanosheet per offrire un miglioramento completo delle prestazioni e dell’efficienza energetica per consentire innovazioni di prodotto di prossima generazione dai clienti TSMC. La piattaforma tecnologica N2 include una variante ad alte prestazioni oltre alla versione baseline di calcolo mobile, nonché soluzioni complete di integrazione di chiplet. N2 dovrebbe iniziare la produzione nel 2025.

In realtà, i clienti optano per una combinazione di queste opzioni e in genere ci ritroviamo con processori ben bilanciati che sono solo leggermente più veloci dei loro predecessori sui benchmark, ma funzionano in modo più stabile e frugale.