Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

L’ingegnere di Google sospeso per aver affermato che l’IA dell’azienda è una persona con pensieri e sentimenti

I sistemi artificiali di Google sono accreditati per i suoi smartphone Pixel eccezionali capacità fotografiche, il suo potente motore di ricerca, il suo Stime della modalità di guida di Maps e relativo assistente vocale. Sebbene queste siano tutte cose molto utili, sembra che l’IA dell’azienda sia diventata troppo potente nel processo, nella misura in cui un ingegnere pensa che un chatbot AI abbia iniziato a pensare come una persona.
Blake Lemoine è un veterano militare che è un ingegnere software senior presso l’organizzazione di intelligenza artificiale responsabile di Google. Da mesi cerca di convincere i suoi colleghi che il modello linguistico di Google per le applicazioni di dialogo, o LaMDA, ha un’anima.
Ha lavorato sul sistema dallo scorso autunno e crede che sia diventato senziente ed è in grado di esprimere i suoi pensieri e sentimenti, riferisce il Washington Post (attraverso Il guardiano).
Ha anche intervistato LaMDA e ha caricato la trascrizione in linea. Lemoine afferma che se non avesse già saputo che LaMDA era un programma per computer, l’avrebbe confuso con un bambino di sette-otto anni.

Ecco alcuni estratti dell’intervista:

Alla domanda sul chatbot di Eliza, LaMDa ha detto che non era altro che un’impressionante impresa di programmazione, ma usano il linguaggio con comprensione e intelligenza, il che li rende diversi.

L’intelligenza artificiale, come suggerisce il termine, è la simulazione dei processi di intelligenza umana da parte di sistemi informatici e si basa sull’informatica e su solidi set di dati. In parole povere, sebbene i computer siano in grado di archiviare e analizzare grandi quantità di dati, non hanno un’intelligenza naturale. La maggior parte degli esperti ritiene che potrebbe passare molto tempo prima che le macchine acquisiscano la capacità di provare sentimenti.

Google non è d’accordo con Lemoine e lo ha messo in congedo retribuito. L’azienda afferma che la maggior parte dei suoi ingegneri e ricercatori che hanno conversato con LaMDA hanno opinioni diverse rispetto a Lemoine. Lemoine dice che i giganti di Mountain View hanno ripetutamente messo in dubbio la sua sanità mentale.