Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

I senatori statunitensi dichiarano guerra al porto Lightning di Apple, chiedendo un caricabatterie per governarli tutti

Bene, ecco qualcosa che sarebbe dovuto accadere molto, molto tempo fa. Seguendo il L’esempio dell’Unione Europea della scorsa settimana, gli Stati Uniti potrebbero rendere presto obbligatoria la ricarica USB-C nell’industria dell’elettronica di consumo, almeno se il Segretario del Commercio ascolterà il consiglio di un trio di senatori democratici.

Mentre Ed Markey, Elizabeth Warren e Bernie Sanders non fanno menzione diretta né della tecnologia USB-C né della tecnologia Lightning nelle loro articolazioni Lettera del 16 giugno indirizzato all'”onorevole” capo del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, non c’è davvero nessun’altra “strategia globale” che potrebbe essere adottata per affrontare la mancanza di uno “standard di tariffazione comune negli Stati Uniti” di quello che l’UE sta cercando di far rispettare entro l’autunno 2024 .
La legislazione recentemente approvata dall’Unione Europea è infatti citata direttamente nella lettera, con praticamente gli stessi argomenti invocati a favore dello sviluppo di una legge simile da applicare negli Stati Uniti. Naturalmente, gli Stati Uniti lo sono La patria di Apple e il più grande mercato degli smartphone, il che significa che questa proposta potrebbe incontrare un grado di resistenza molto più elevato a tutti i livelli.
Forse in previsione di tali discussioni e legislazioni, il gigante tecnologico con sede a Cupertino ha lavorato a lungo per abbandonare il suo port Lightning universalmente insultato. Le ultime edizioni di iPad Air, Mini e Pro sono tutte dotate degli stessi connettori USB-C dei loro rivali Android e, se si deve credere alle voci recenti, lo “standard” iPad dovrebbe seguire l’esempio entro la fine dell’anno.
Lo stesso è estremamente probabile che accada con il Famiglia iPhone 15 nell’autunno del 2023, ma poiché non ci sono ancora garanzie, questo nuovo (e ufficiale) appello per “standard uniformi per gli accessori di ricarica” ​​potrebbe non essere molto nel prossimo futuro.
Tuttavia, possiamo sicuramente assistere a una discussione più seria e pubblica che mai innescata dalla lettera di questi tre senatori sui disagi per i consumatori e sulla proliferazione dei rifiuti elettronici generati dal non avere un unico caricabatterie compatibile con tutti i tuoi dispositivi elettronici.

Nel caso ve lo stiate chiedendo, si stima che i soli caricabatterie creino oltre 11.000 (!!!) tonnellate di rifiuti elettronici annualmente in tutto il mondo, e mentre la messa al bando di porte e cavi Lightning potrebbe aggravare il problema nel breve periodo, il suo impatto a lungo termine sarà senza dubbio molto positivo sia dal punto di vista ecologico che anche finanziario.