Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

Gli smartwatch di Huawei potrebbero presto avere il monitoraggio della glicemia e altro ancora

Gli smartwatch di Huawei sono senza dubbio tra i wearable più eleganti sul mercato. Sono inoltre dotati di una lunga durata della batteria, come il Huawei Watch GT 3 Pro, che può durare fino a 14 giorni con una singola carica. Non come altri dispositivi indossabili che puoi acquistare attualmente: ti stiamo guardando, Galaxy Watch 4 e Apple Watch Series 7, con la durata della batteria di un giorno. Tuttavia, sembra che Huawei voglia anche introdurre qualcosa di rivoluzionario con i suoi prossimi smartwatch. Come prima riportato da Gadget e dispositivi indossabili, Huawei ha recentemente tenuto una presentazione mediatica per mostrare il futuro dei suoi dispositivi indossabili. All’evento, He Gang, Chief Operating Officer di Huawei Terminal BG, ha rivelato che la società prevede di aggiungere il monitoraggio della glicemia, il monitoraggio della funzionalità polmonare e la gestione della salute in alta quota al sistema di monitoraggio sanitario TruSeen dei suoi smartwatch. Sfortunatamente, al momento non ci sono qualsiasi metodo non invasivo attraverso il quale è possibile monitorare i livelli di zucchero nel sangue. Secondo Gadgets & Wearables, Huawei sta lavorando in collaborazione con istituzioni mediche professionali per sviluppare lo screening del rischio iperglicemico, la valutazione dell’andamento del livello di glucosio e un sistema di allerta precoce che segnala potenziali problemi.

Resta da vedere se Huawei sarà la prima azienda a introdurre una tecnologia del genere su uno smartwatch. L’azienda cinese dovrà sicuramente affrontare una forte concorrenza Apple stessa. Come già noi segnalato, Cupertino sta anche pianificando di incorporare tale tecnologia nel suo Apple Watch. L’anno scorso, l’azienda ha depositato un brevetto per ottenere letture della glicemia in modo non invasivo. Allora, chi sarà il primo? Solo il tempo lo dirà, e probabilmente qualche leaker, qualche mese prima che l’azienda vincitrice annunci il suo nuovo smartwatch con tecnologia di tracciamento del glucosio.

Per quanto riguarda il monitoraggio della funzione polmonare, di cui ha parlato Huawei, la tecnologia probabilmente combinerà i dati raccolti da frequenza cardiaca, ossigeno nel sangue e altri sensori per prevedere il rischio dell’utente di sviluppare la broncopneumopatia cronica ostruttiva, che causa l’ostruzione del flusso d’aria dai polmoni. Il sistema di gestione della salute in alta quota, d’altra parte, informerà gli utenti su come i loro corpi stanno rispondendo alle alte quote con bassa pressione dell’aria.