Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

DuckDuckGo Mobile Browser ti impedisce di essere rintracciato

Da quando è stato rilasciato per la prima volta il 29 febbraio 2008, DuckDuckGo è diventato noto come un motore di ricerca per la privacy, un browser che impedisce ai tracker di seguirti e un’app che ti protegge dai tracker anche quando accedi semplicemente alla tua e-mail.

Come fa DuckDuckGo a fare soldi?

Ora probabilmente ti starai chiedendo come fa DuckDuckGo, e questa è una domanda giusta. La società spiega che poiché non raccoglie i tuoi dati personali, i risultati di ricerca che vedi su DuckDuckGo si basano sui siti Web che stai visualizzando piuttosto che consentire ai tracker di utilizzare la cronologia di navigazione per capire chi sei come persona. Ad esempio, se stai cercando auto, vedrai consigli di ricerca su DuckDuckGo sulle auto.

E poiché i risultati della ricerca non si basano sul profilo di dati che altri (come Google) crea su di te, i risultati di ricerca che vedi e gli annunci di accompagnamento sono tutti basati sulle parole chiave che hai digitato. Ad esempio, se apri l’app DuckDuckGo e cerchi lavastoviglie, vedrai risultati per lavastoviglie che sono in vendita. Se invece esegui una ricerca su Google, le tue ricerche diventano parte di un profilo dati che consente agli inserzionisti di seguirti su Internet.
Quando gli inserzionisti della rete di ricerca acquistano annunci, lo fanno facendo offerte per le parole chiave, non facendo offerte per le persone. Come dice DuckDuckGo, “La nostra politica sulla privacy, in poche parole, è di non raccogliere o condividere alcuna informazione personale. Ogni volta che esegui una ricerca su DuckDuckGo è come se fossi lì per la prima volta: anonimo”.

Quando cerchi qualcosa su Google, vedrai presto annunci per il prodotto ovunque quando sei online. Secondo il Princeton Web Transparency & Accountability Project, Google ha tracker che ti seguono sul 76% dei siti Web su Internet. La stessa fonte afferma che Facebook ha nascosto tracker sul 25% dei siti Web online.

Di conseguenza, Google e Amazon hanno creato enormi profili di dati che tracciano i tuoi “interessi, acquisti passati, ricerche, navigazione e cronologia delle posizioni e molto altro ancora. Questi dati personali vengono archiviati a tempo indeterminato e utilizzati per pubblicità mirata invasiva che può seguirti in giro per il Internet E queste informazioni possono essere utilizzate per l'”hyper-targeting” che consente ai malintenzionati di utilizzare questi dati per influenzare le elezioni, creare scenari discriminatori e altro ancora.

DuckDuckGo cita l’ex CEO e presidente di Google Eric Schmidt dicendo che “la politica di Google su molte di queste cose è quella di arrivare fino alla linea inquietante, ma non superarla”. Ma come sottolinea il motore di ricerca, “per la maggior parte delle persone, quella linea è stata superata da Google, Facebook e altri molto tempo fa”.

Ad alcune persone non dispiace essere monitorate durante i loro viaggi su Internet

Ora dobbiamo sottolineare che non tutti disdegnano di essere rintracciati su Internet. Aiuta alcune persone a confrontare più facilmente i prezzi di un prodotto che sono interessati all’acquisto.

Quando apri un sito Web utilizzando DuckDuckGo, puoi vedere quanti tracker sono bloccati dall’app in tempo reale. Ad esempio, 24 tracker sono stati disabilitati sul sito ESPN quando abbiamo utilizzato il browser DuckDuckGo per visitare il sito pochi secondi fa. Nell’app DuckDuckGo, puoi accedere alle impostazioni per bloccare i tracker e-mail e nascondere il tuo indirizzo e-mail senza cambiare provider di posta elettronica. Puoi anche iscriverti alla protezione dal tracciamento delle app e bloccare i tracker che si nascondono nelle altre tue app.

All’interno del menu delle impostazioni dell’app, c’è un’impostazione per cambiare il colore dell’iconica icona DuckDuckGo. Il drake che indossa il papillon può essere modificato per apparire in arancione, rosso, verde, blu, viola e nero.