Guadagniamo denaro dai nostri partner quando fai clic e acquisti dai collegamenti sul nostro sito e abbiamo il supporto dei nostri utenti.Ulteriori informazioni.

Apple cede agli sviluppatori di app di incontri olandesi

Lo ha affermato oggi l’Autorità per i consumatori e i mercati (ACM) dei Paesi Bassi (via Reuters) che Apple consentirà ai suoi clienti di pagare varie app di incontri olandesi utilizzando diverse opzioni di pagamento incorporate in tali app, ponendo fine a una controversia che ha lasciato Apple intrappolata per $ 52,58 milioni di multe.
Come molti di voi sanno, Apple richiede che i pagamenti in-app per le transazioni dell’App Store vengano effettuati utilizzando la piattaforma di pagamento in-app di Apple, consentendo all’azienda di ridurre dal 15% al ​​30% della valutazione della transazione. Non sono consentite piattaforme di pagamento alternative e di terze parti e qualsiasi sviluppatore che offra collegamenti a opzioni di pagamento alternative rischia l’espulsione dall’App Store.

Apple ha emesso sanzioni nei Paesi Bassi per un totale di 52,58 milioni di dollari

Questo è quello che è successo l’anno scorso quando lo sviluppatore di giochi per dispositivi mobili Epic ha cercato di promuovere la propria piattaforma di pagamento per il suo popolare gioco Fortnite, il che avrebbe portato i giocatori a pagare meno per la valuta di gioco. Apple ha reagito cacciando Epic e il gioco Fortnite dall’App Store. E nei Paesi Bassi, l’incapacità di Apple di consentire ai consumatori di pagare per le app di appuntamenti utilizzando metodi di pagamento alternativi ha portato Apple a subire una multa settimanale.

Apple ha affermato che stava rispettando le richieste dell’agenzia di vigilanza olandese e non avrebbe dovuto essere multata. Tuttavia, la soluzione del gigante della tecnologia è stata quella di costringere gli sviluppatori di app di incontri olandesi a rilasciare versioni separate delle loro app per gli Stati Uniti e i Paesi Bassi. In questo modo, Apple potrebbe continuare a raccogliere il suo taglio dal 15% al ​​30% sulle app di appuntamenti installate dai suoi clienti negli Stati Uniti, consentendo a quelli nei Paesi Bassi di pagare utilizzando una piattaforma di pagamento alternativa.
L’ACM afferma che questa soluzione ha creato una “barriera non necessaria”. D’altra parte, Apple ha affermato che con il suo piano “rispetterà i suoi obblighi legali nei Paesi Bassi e allo stesso tempo avrà la possibilità di mantenere i suoi termini e condizioni standard nel resto del mondo”.
In una dichiarazione, il ACM (attraverso Reuters) ha dichiarato: “Apple ha modificato le sue condizioni abusive e ora consentirà diversi metodi di pagamento nelle app di appuntamenti olandesi. Con questa concessione, Apple soddisferà i requisiti stabiliti dall’Autorità olandese per i consumatori e i mercati (ACM) nell’ambito della concorrenza europea e olandese Fino a poco tempo, i clienti delle app di appuntamenti potevano pagare solo utilizzando il metodo di pagamento imposto da Apple”.

La dichiarazione prosegue dicendo: “Secondo ACM, Apple ha abusato della sua posizione dominante con tali pratiche. D’ora in poi, i fornitori di app di appuntamenti sono in grado di far pagare i propri clienti in modi diversi. ACM ha forzato questi cambiamenti imponendo un ordine soggetto a penalità di mora. Alla fine, la somma di tutte le penalità è stata di 50 milioni di euro”.

Gli sviluppatori di app di incontri nei Paesi Bassi continueranno a pagare ad Apple il 27% del valore di una transazione in-app

Martijn Snoep, Presidente del Consiglio di ACM, ha dichiarato: “Vogliamo che tutti possano trarre vantaggio dall’economia digitale. Nell’economia digitale, le aziende potenti hanno la responsabilità speciale di mantenere il mercato equo e aperto. Apple lo ha evitato responsabilità e abusato della sua posizione dominante nei confronti dei fornitori di app di incontri. Siamo lieti che Apple abbia finalmente allineato le sue condizioni alle regole di concorrenza europee e olandesi. Ciò offre ai fornitori di app maggiori opportunità di competere. E alla fine i consumatori ne trarranno vantaggio. anche i vantaggi”.

Secondo le nuove regole imposte da Apple, gli sviluppatori di app di appuntamenti dovranno comunque pagare ad Apple una commissione per gli acquisti effettuati al di fuori della sua piattaforma di pagamento App Store, anche se con un leggero sconto. Coloro che stavano pagando ad Apple il 30% del valore di una transazione in-app relativa a un’app di appuntamenti ora lo pagheranno il 27%.

Apple ha rilasciato oggi una dichiarazione in cui si afferma: “Non crediamo che alcune di queste modifiche siano nel migliore interesse della privacy o della sicurezza dei dati dei nostri utenti. Come abbiamo detto in precedenza, non siamo d’accordo con l’ordine originale dell’ACM e ci appelliamo .”