A Ricadi prende vita l’Associazione “Professionisti Tecnici Ricadesi”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa per la fondazione di una nuova Associazione nel nostro comune:
Immagine di repertorio

L’Associazione “Professionisti Tecnici Ricadesi” è nata dopo diversi incontri avvenuti tra i tecnici residenti nel Comune di Ricadi (VV). Ne fanno parte, ad oggi, i soci fondatori , cioè 16 (sedici) professionisti abilitati all’esercizio della professione, tra Ingegneri, Architetti, Geometri, Periti Edili e Geologi.

Lo statuto prevede che l’organo rappresentativo dell’associazione sia un Consiglio Direttivo, formato da 4 (quattro) figure professionali: un Ingegnere, un Architetto, un Geometra/Perito Edile ed un Geologo, che all’assemblea costituente, votato all’unanimità, sono stati nominati Consiglieri: Arch. Massimiliano Cocciolo, Ing. Francesco Antonio Pontoriero, Geom. Francesco Rizzo e Dott. Geol. Francesco Taccone; il Consiglio Direttivo, a sua volta, ha nominato Presidente il Geom. Francesco Rizzo, Segretario/tesoriere Arch. Massimiliano Cocciolo.

L’Associazione è stata voluta da suddetti tecnici con diversi obiettivi, primo tra tutti quello di dare un stimolo consistente alle pubbliche amministrazioni, in primis l’Amministrazione del Comune di Ricadi, ma anche i vari Enti Provinciali e Regionali, segnalando le problematiche tecniche che si riscontrano quotidianamente che causano disagi e/o ritardi alle committenze e ai professionisti. Non di meno il mancato introito agli enti di oneri e tributi.

Con predetti Enti ci potrebbe essere, se richiesta, una collaborazione, nei limiti di legge, che sotto diversi aspetti, potrebbe portare alla soluzione e velocizzazione delle pratiche evitando situazioni di blocco o/e ritardi nell’istruttoria che già di suo è estremamente complessa. Tuttavia, l’Associazione, in data 28 settembre c.a., ancora in fase costituenda, ha inviato una missiva all’Amministrazione Comunale nonché agli Ordini Professionali di riferimento, mettendo alla luce i problemi e i disagi che vessano tutti i professionisti. Purtroppo, la lettera, decorsi i tempi tecnicamente accettabili per la lettura, non ha avuto nessun frutto evidente e tantomeno una risposta.

Un altro obiettivo associativo è senz’altro quello di avere visibilità sul territorio, in modo tale da poter assicurare un servizio efficiente alla cittadinanza Ricadese. L’esperienza dei tecnici più anziani affiancata alle buone doti telematiche di quelli più giovani porterà sicuramente nel tempo ad avere sul territorio un gruppo di lavoro altamente qualificato, con una preparazione a 360 gradi, dal momento che ne fanno parte 5 categorie professionali conoscitori del territorio e quindi avvantaggiati a trovare soluzioni a qualsiasi problematica tecnica, senza doversi rivolgere forzatamente a professionalità di altre zone. Tutto ciò è finalizzato a garantire maggiori opportunità lavorative individuali, offrendo, soprattutto ai giovani professionisti, la possibilità di poter restare a costruire il proprio futuro a Ricadi, senza necessità di partire a vendere il proprio talento altrove.

Il sottoscritto, inoltre, intende precisare e sottolineare, a nome del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei Soci, nonostante qualcuno abbia asserito che la necessità di associarsi sia nata per contrastare o fare opposizione ad ampio raggio, che l’Associazione “Professionisti Tecnici Ricadesi” non si prefigge nessun obiettivo di scontro con nessuna figura operante presso il Comune di Ricadi né presso altri Enti Pubblici, anzi si dispone la collaborazione tecnica con chiunque per lo sviluppo del territorio. Ciò precisato è da incipit all’incontro che l’Associazione chiederà al Sindaco nei prossimi giorni, con la speranza di poter fare luce sui problemi che ad ormai sono diventati insostenibili e trovare una equa soluzione.

L’auspicio è che la figura del “tecnico” torni ad avere un ruolo fondamentale sia in ambito pubblico che privato, grazie alle specifiche capacità professionali, ma soprattutto alla garanzia di un interlocutore che non ostruisce lo svolgimento del proprio operato. Solo lavorando in piena sinergia, cioè Amministrazione – Tecnici – Cittadini, si può veramente pensare di tutelare questo territorio, sia da un punto di vista ambientale e paesaggistico che in ambito di sviluppo settoriale (turismo, agricoltura etc.)

Il presidente

Geom. Francesco Rizzo

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
RicadInforma.it - Autorizzazione del Tribunale di Vibo Valentia n. 1/13 del 14/01/2013 (ISSN 2420-8302)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *